Il Mirto, pianta della mitologia dal forte potere simbolico, fu sacro a Venere e protezione della sua bellezza, quando nuda uscì dalla schiuma del mare; fu prediletto frutto di Afrodite, pianta di gloria e di amore felice.

Per le proprietà medicinali note sin dall'antichità, era già in uso a Babilonia ed in Mesopotamia, e trovò largo impiego tra i Greci ed i Romani che lo usavano per combattere leucorrea, ulcere, dermatosi, problemi emorroidali, affezioni alle vie urinarie e respiratorie.

In gastronomia, i Romani adoperavano sovente le bacche di mirto anche per la produzione di bevande: Plinio nel libro XIV della Naturalis Historia riportava notizie riprese da altri autori ed riferiva della ricetta di Catone per la preparazione del Myrtitem.

Discoride e Columella promuovevano infusi di bacche di Mirto e ne declamavano i poteri terapeutici.

Secondo altre fonti, fu tra il Mirto che i Romani ed i Sabini, si riconciliarono dopo il Ratto delle Sabine.

2340

16 altri prodotti della stessa categoria:

Prodotto aggiunto alla comparazione